Paris-Brest

A volte mi capita di comprare dei libri senza saperne bene la ragione. Sono magari romanzi finiti nella mia wish-list perché ho letto qualche recensione interessante, perché un’amica me ne ha parlato bene, perché chissà. Per esempio non ho la più pallida idea del perché Paris-Brest fosse nella mia wish-list, forse perché è il nome di un dolce o di un’importante corsa ciclistica, fatto sta che l’avevo visto una volta al Libraccio e avevo deciso di non comprarlo. Poi non l’ho più rivisto per un po’ e quando mi è ricapitato sotto mano alla fine me lo sono portato a casa. Non avevo neanche la più pallida idea della trama.
In genere, quando compro i libri a caso sono molto fortunata.
Paris-Brest mi è piaciuto tantissimo.
ImmaginePer farla breve, Paris-Brest è la storia di una famiglia in cui stringi stringi non si salva nessuno. Dalla nonna che anche in tarda età non si lascia sfuggire l’occasione di sposarsi per soldi, alla madre che bada solo alle apparenze e non sa voler bene a nessuno. Dal padre, sospettato di un ammanco di 14 milioni dalle casse della locale squadra di calcio, al figlio che l’occasione e le cattive amicizie faranno ladro.
Non c’è redenzione per nessuno in questo romanzo e non bastano le apparenze a tenere unita una famiglia nella quale non c’è collante alcuno nemmeno a Natale.
Queste centocinquanta pagine sono scritte benissimo e si leggono tranquillamente in una giornata in spiaggia (anche se il clima del romanzo è terribilmente invernale). 
Mi è venuta una gran voglia di leggere altro di questo autore francese: gli altri suoi romanzi non si trovano facilmente, ma ora so perché sono nella mia wish-list e non me li lascerò sfuggire se mi capitano sotto mano.

Annunci

Info lisecharmel
Hai cominciato da giovane donna metropolitana. Poi il tempo è passato, non sei più tanto giovane e nemmeno particolarmente metropolitana. Ma la bassa autostima e i tacchi alti c'erano prima e sono rimasti. In fondo è rassicurante avere certe buone abitudini.

5 Responses to Paris-Brest

  1. dramanmakeup says:

    Non ho mai sentito nominare quest’autore ma questo libro mi attira moltissimo.
    Sono una brutta persona se mi piacciono le storie in cui si salva nessuno? Nella vita vero no, vorrei che tutti fossero felici e contenti eccetera. Ma tante volte le storie che finiscono male mi piacciono più di quelle a lieto fine.

    • ahahaha, anch’io allora sono una brutta persona. diciamo che ci sono volte in cui spero che i personaggi si salvino e siano felici, altre in cui gongolo tutta per le loro incomprensioni 🙂

  2. Blanche says:

    Mi piace molto il tuo blog, hai uno stile di scrittura simpatico e pulito 😀 (Disse le critica letteraria…No, intendo solo dire che ho letto un paio di tuoi articoli in modo molto piacevole).

    Come la buona Drama qua sopra saprà, non amo i libri tristi/tragici, ma tant’è, a volte sono belli anche loro, e questo qui mi ha incuriosita 🙂

    • ma grazie, detto da te è un gran complimento! (sul serio, io adoro i tuoi post, mi fai sganasciare). in realtà questo non è propriamente un libro triste, ma è davvero un gran concentrato di cinismo 🙂

  3. lidalgirl says:

    famiglie disastrate e cinismo a palate?
    ok, me lo segno ^^

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: