Wearing today: mi trucco in ufficio

Ho un paio di post in stand-by in attesa di essere completati, così ho pensato di sopperire oggi alla mia ormai cronica assenza, con un “wearing today” che mi permette di abbinare anche un altro argomento abbastanza gettonato tra le appassionate di beauty, ovvero “la trousse dei ritocchi” o qualcosa di simile.
Io non porto con me nella borsa una trousse dei ritocchi. Anzi, in genere prendo in giro la mia collega che lo fa, più che altro perché ha un beauty pesantissimo (con dentro sempre un flacone di profumo da 100 ml) che noi sosteniamo contenere dei mattoni. Però tengo sempre una bustina in ufficio con alcuni strumenti base, per quelle volte che non riesco a truccarmi a casa, vuoi perché non è suonata la sveglia e mi sono dovuta scapicollare, vuoi perché ci sono quelle giornate che devo essere in ufficio a ore antelucane perché alle nove comincia un evento e prima devo aver controllato che funzioni tutto, che i collegamenti siano a posto e che il catering sia arrivato.
Stamattina per esempio io e il marito avevamo appuntamento alle otto con il parquettista  nella casa dove andremo ad abitare tra qualche mese. Siamo quindi usciti di casa prima del solito e io senza trucco. Posso comunque assicurare che quando è andato via dopo avermi incontrata struccata, il parquettista era ancora vivo e in salute.
Arrivata in ufficio mi sono resa comunque un po’ più presentabile in questo modo.

ImmagineInnanzitutto chiedo perdono per la foto orrenda, scattata con il cellulare nel bagno dell’ufficio, con le luci artificiali che rendono tutto giallissimo. Giuro che non uso un fondotinta color senape di Digione: è un neutro normalissimo.
Vediamo quindi con cosa mi sono truccata oggi, con l’ausilio dei numeretti da analfabeta che ho pastrocchiato sulla foto.
1. Fondotinta compatto Clinique shade n. 126. Questa confezione ha l’età di mia nonna. Davvero, non so gli anni che può avere, del resto l’avevo comprato compatto apposta, perché sapevo che l’avrei usato sporadicamente e un fondo compatto dura molto di più di uno liquido, oltre a essere più pratico da usare fuori casa. Questo qui nello specifico ha una coprenza leggera, opacizza il giusto e dura abbastanza.
2. Blush Subtil Lancome n. 02 “rose sable”. Avevo comprato questo blush lo scorso autunno e per un po’ l’ho usato tutti i giorni, poi è stato soppiantato dall’arrivo di un po’ di prodotti nuovi ed era caduto nel dimenticatoio. Entrare nella trousse dell’ufficio gli ha consentito una nuova vita poverello, in fondo è un buon blush, il colore mi dona, si sfuma bene e dove lo metti sta.
3. Stick Quick Concealer L’Oreal, colore n. 15. Questo secondo me non l’ho comprato io: deve avermelo portato il mio migliore amico quando lavorava là. Ha quasi la stessa età del fondotinta, ma fa ancora il suo dovere, cioè coprire le occhiaie con discrezione e senza evidenziare le pieghette facendomi sembrare la Rita Levi buonanima.
4. Mascara “Zoom fast black lash” MAC. Campioncino di mascara nero, ricevuto in omaggio da MAC verso la fine dell’anno scorso. Visto che lo uso poco e lo chiudo bene, è ancora tutto lì, anzi, per fortuna si è un po’ asciugato coi mesi, perché inizialmente era liquidissimo e mi stampava antiestetici segni sotto l’occhio. Comunque anche adesso non è che sia sta gran meraviglia, non lo comprerei in full size.
5. Matita nera debby eyepencil n. 10. Questa è nella trousse da pochissimo. Ho trovato una superofferta matita+mascara Debby a € 6,90 all’Ipersoap e ho pensato che a quel prezzo poteva far comodo avere una matita nera in più. Avendo già una matita nera (ma va’?) nei miei trucchi di casa, questa è arrivata qui e in effetti mi permette un trucco occhi un po’ più curato di prima. Però a questo punto dovrò aggiungere un temperino nella bustina.
6. In borsa non ho la trousse, ma un rossetto sempre. Quello che vedete nella foto è quello che mi porto sempre dietro da un mesetto a questa parte. Lo nomino in continuazione e lo vedrete in molti prossimi tag (e di questo passo tra qualche mese anche nei prodotti finiti). Si tratta del Chubby Stick Clinique color “chunky cherry”. E’ molto gradevole sulle labbra e permette la stratificazione, diventando da trasparente a un gradevole fucsia-lampone, che è uno dei colori labbra che più mi donano.
Nella bustina, non fotografato, c’è comunque anche un rossetto: un rosso Clinique color ciliegia che amo moltissimo, ma che non indosso spesso, perché per quanto io ci provi a farmi coraggio, non ho un approccio naturalissimo ai rossi.
7. Flatbuki Neve Cosmetics. A casa non lo usavo mai e per di più quando lo avevo in giro per il bagno per lavarlo, la mia gatta tentava di fidanzarcisi leccandolo con passione. Qui in ufficio fa una vita più serena e redditizia.

Non fotografata, nella trousse (una bustina di stoffa morbida che avrà almeno vent’anni, forse anche più, penso me l’abbiano regalata alle superiori), c’è anche una minitaglia di cipria in polvere libera Cannes di Neve Cosmetics, che uso a volte per i ritocchi quando arrivo da casa con addosso il fondo liquido (o peggio, un’orrenda BB cream che sto tentando di finire).

Se siete arrivate fin qui, vi va di raccontarmi cosa tenete nella trousse “salvavita”, se la portate sempre con voi o la tenete da qualche parte?

 

Annunci

Wearing today

Prendo l’ispirazione dei post “wearing today” da un blog di moda che seguivo anni fa, in cui l’autrice fotografava l’outfit della giornata, ma non su se stessa: semplicemente appoggiato sul letto. Ecco, il trucco che ho scelto oggi non lo vedrete su di me: mi limiterò a fotografare i prodotti usati, spiegando come li ho usati.

Oggi col marito siamo andati da Cargo, un concept store di arredamento, in cerca di ispirazione per il bagno della casa nuova. Ho scelto un trucco neutro, poco appariscente, con colori neutri sugli occhi e labbra un po’ in vista, ma senza esagerare.

Immagine

Dalla foto sono assenti il correttore di Kiko il Pore Minimizer di Clinique.

Sugli occhi ho scelto di mettere due colori dalla Elegantissimi di Neve Cosmetics: Peluche su tutto l’occhio (lo vedete in basso nella foto) e Etoile a illuminare la parte interna. Li ho applicati con un pennello Elf che onestamente non so a cosa serva (si chiama C brush) e nemmeno perché l’ho comprato, se qualcuno che passa di qui mi vuole dare dei suggerimenti su questo pennello mi farà un grande favore.

Immagine

Nell’angolo inferiore dell’occhio ho messo la matita Pioggia, sempre di Neve Cosmetics e poi il mascara “They’re real!” di Benefits.

Sul viso ho scelto il fondotinta minerale di Neve Cosmetics nel

Immaginecolore Light Neutral e il blush Orgasm di Nars (praticamente l’unico prodotto non Neve di oggi). Infine, sulle labbra, il Dessert a Levres di Neve Cosmetics nel colore Plum Cake.

Ero abbastanza soddisfatta, anche se il mascara ha colato un pochino e nello sfregare per toglierlo ho sfregato via anche un po’ di matita. E poi devo imparare a mettere la matita sulle labbra, perché penso che ne avrei guadagnato.

Chiedo scusa per le foto raffazzonate e fatte con la luce elettrica, ma col tempo di oggi fare foto con la luce naturale era assolutamente impossibile.